Google segnala agli utenti in modo vistoso accanto all’indirizzo dei siti che ancora usano il vecchio protocollo “http”, il fatto che si tratta di approdi “non sicuri”.


Questo avviso è penalizzante ai fini di risultati di ricerca e influenza la reputazione digitale aziendale. Tutti i siti non protetti vengono dunque marcati come “non sicuri” nella barra degli indirizzi e i visitatori sono ovviamente scoraggiati nella consultazione.

COME FARE AD AVERE UN SITO CLASSIFICATO COME “SICURO”?

Il protocollo HTTPS garantisce che i dati che passano tra un computer e il server a cui si sta connettendo rimangano segreti, grazie a un sistema di crittografia. Si pensi quindi ai dati dei moduli di richiesta informazioni, ai numeri di carte di credito ed ogni altro dato importante.

Contattate Essetre per capire come risolvere questo aspetto di sicurezza. Cliccate sul pulsante qui sotto: